Developed in conjunction with Ext-Joom.com

storicamente

Traduttore

Non solo Spread

Newsletter

Contatore

Visite agli articoli
11751345

La nuova Cittadina

PDF Stampa Email

Storicamente-Civitavecchia 1495-1Dalle cronache del tempo risulta che i ripetuti assalti saraceni decretarono l’allontanamento degli abitanti di Centocelle dalla propria terra natia e che essi vi fecero ritorno, collaborando, successivamente, all’edificazione di “Civitavecchia”; fino a quel momento devastata e completamente abbandonata a sè stessa.

 

I ritorni dei Saraceni

PDF Stampa Email

Storicamente-Dipinto Saraceno-1Alcuni ricercatori suppongono che i Saraceni misero a ferro e fuoco Centocelle per vendetta. La causa di questa violenta ondata che si scatenò sulla cittadina marittima non trova radici nella sconfitta subita dagli “infedeli” presso le isole Baleari ( anno 813 ), ma piuttosto nella “spedizione fatta sul territorio africano dal Conte Bonifacio di Toscana nell’anno 828.” Alcune dichiarazioni riferite da cronisti dell’epoca, vicini ai fatti, sono contrarie a quanto sopra avanzato, ma alcuni dubbi restano. A fronte di questo, può meravigliare il lettore la notizia che Papa Leone IV diede all’Imperatore Carlomagno ( novembre dell’813 )

 

La travolgente Invasione Saracena

PDF Stampa Email

Storicamente-Papa St Leo IVNell’anno 813 i Saraceni furono avvistati da navi cristiane vicino Maiorca. Poco prima avevano conquistato la Corsica ed ora erano con le vele dritte in direzione della Spagna, dove subirono una grave sconfitta. Si vendicarono per essere stati placati in terra Iberica, mettendo a ferro e fuoco numerosi lidi italiani. Centocelle ne riportò gravi conseguenze poiché, come riporta un cronista dell’epoca, “in quell’occasione fu dai barbari devastata”.

 

Nel Mediterraneo, i temibili Saraceni

PDF Stampa Email

Storicamente-Saraceni-1Lungo la costa dell’Italia meridionale, tra le popolazioni presenti, si affacciarono i Saraceni, musulmani provenienti dal nord Africa e dalla regione del Mashriq. Quei territori erano sotto la dominazione dei Longobardi come a Benevento, Salerno e Capua ed i Bizantini presenti nelle aree sottoposte al controllo dell’Impero d’Oriente. Vigevano delle leggi contro il commercio, al tempo definito “criminoso”,

 

L'invasione Longobarda alle porte

PDF Stampa Email

Storicamente-LongobardiL’ondata Longobarda stava travolgendo la penisola italica. Popolazione nomade di origine germanica stanziata nel basso corso dell’Elba che, con movimento migratorio iniziato nel II secolo, raggiunse il bacino del Mediterraneo (VI secolo). Centocelle temette il peggio alla notizia dell’arrivo degli invasori che avanzarono nella regione romana per impadronirsi di Roma e così, secondo i loro schemi, coronare il sogno di conquista dell’Italia. Si avvicinarono depredando castelli e cittadine, “senza sfiorare la nostra città”. A tal proposito, è opportuno citare Paolo Diacono, autore della “Historia Langobardorum”, il quale non nomina Centocelle nelle scorrerie perpetrate all’interno del territorio romano. A ciò pensa l’Annovazzi, possibilista sulla permanenza degli invasori sul nostro.

 
<< Inizio   < Prec  234567891011  Succ >   Fine >>

Pagina 8 di 11

 

 

Questo sito utilizza cookie per le sue funzionalità; scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie LEGGI INFORMATIVA PRIVACY.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information