Developed in conjunction with Ext-Joom.com

politica

Traduttore

Non solo Spread

Newsletter

Carbone, deciderà la Città?

PDF Stampa Email

Massimiliano Grasso: <<La nuova Amministrazione Comunale dovrà da subito tornare al tavolo con Enel>>

CIVITAVECCHIA - <<Quanto dichiarato a "Presa diretta" dal Direttore di Enel Italia Carlo Tamburi sul futuro del carbone e di Tvn deve indurre la Politica locale ad avviare da subito una riflessione ed un confronto sul futuro dell'impianto dal 2025 in poi.>>

Lo afferma il Consigliere Massimiliano Grasso. <<Il manager è stato molto chiaro: a prescindere dall'effettiva data di uscita dal carbone, un sito importante come quello di Civitavecchia non sarà in ogni caso smantellato. Si pensa al Fotovoltaico, ma sicuramente (anche questo Tamburi lo ha detto esplicitamente) anche alla necessità di garantire la produzione energetica a prescindere dai fattori di imprevedibilità legati alle Rinnovabili (come ad esempio le condizioni meteo). Quindi ad oggi, probabilmente, dopo il carbone ci sarebbe il Gas, insieme al Fotovoltaico stesso. In quest'ottica - continua il Capogruppo de La Svolta - la nuova Amministrazione dovrà da subito tornare al tavolo con Enel per impegnare il colosso energetico a rispettare l'Accordo sottoscritto con il Comune, che fra l'altro prevedeva investimenti per 300 milioni nelle Rinnovabili. Il rapporto con la Spa dovrà essere incentrato sulla creazione di un percorso che in 6-10 anni porti all'uscita dal carbone e ad investimenti su Rinnovabili e nuove Tecnologie, all'insegna della sostenibilità e dei principi dell'Economia circolare, per comprendere quale dovrà essere la destinazione finale del sito di Torre Valdaliga Nord. La Città questa volta dovrà essere messa in condizione di decidere cosa dovrà accadere sul proprio territorio, dopo oltre 60 anni di produzione energetica. Al momento, invece, Civitavecchia si trova nell'assurda condizione di apprendere dai Giornali che la stessa Enel si prepara a cancellare posti di lavoro. Tutto questo - conclude - non può essere accettato da una Città che da oltre mezzo secolo ospita la servitù ambientale ed una delle principali Centrali termoelettriche del Paese.>>

Nella foto (a destra): il piddino Marco Di Gennaro

Articolo correlato: http://www.lacivettadicivitavecchia.it/politica-2/13437-consiglio-comunale-quasi-natalizio

 

 

Questo sito utilizza cookie per le sue funzionalità; scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie LEGGI INFORMATIVA PRIVACY.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information