Developed in conjunction with Ext-Joom.com

cultura

Traduttore

Non solo Spread

Newsletter

“L'atto misericordioso più alto”

PDF Stampa Email

Già avviata la macchina organizzativa per la Processione del Cristo Morto

CIVITAVECCHIA – L’Arciconfraternita del Gonfalone ha già avviato la macchina organizzativa per la Processione del Cristo Morto che si svolgerà

la sera del Venerdì Santo, il 30 marzo. <<Presso la Chiesa della Stella in Piazza Leandra dal 15 febbraio saranno esposti i reperti, alcuni di datazione antica, che daranno vita e consistenza, grazie ai portatori, al racconto della storia evangelica della Redenzione e che rappresentano un segno della e nella storia della nostra città. – spiega il Priore David Trotti - Per tutti i Civitavecchiesi che vorranno godere della bellezza di questa storia, delle statue che vengono portate in Processione e dei Misteretti la Chiesa sarà aperta dal lunedì al venerdì dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 17,30 alle 19,30 ed il Sabato dalle 10,00 alle 12,00. La medesima è ovviamente aperta anche il sabato dalle 09,30 e la domenica dalle 08,30 per la Celebrazione della Santissima Messa. Sarà anche possibile effettuare visite guidate per gruppi e scolaresche, per entrare nel vivo di una storia che ci appartiene e che si concretizza nella bellezza della Chiesa della Stella con i suoi dipinti e le vestigia romane e medioevali sotto il pavimento oltre che della bellissima immagine di Maria che tanto a cuore sta ai Civitavecchiesi.>> Le visite per i gruppi debbono essere prenotate chiamando i numeri telefonici 3478573959 (Stefano Diociaiuti) e 3472987343 (Segreteria Studio Trotti) per avere la disponibilità di una guida che possa meglio illustrare quello che stiamo vivendo. <<La Processione è un evento culturale e spirituale che permette di condividere uno dei momenti più intensi e significativi della vita di ogni Cristiano, la riflessione sulla Passione e Morte di Gesù, rappresenta anche un modo di partecipare alla vita della Chiesa che ci fa considerare il sacrificio del Figlio di Dio come l'atto misericordioso più alto e significativo e che attraverso il perdono diviene una porta per conoscere l’altro intimamente. Un evento spirituale e culturale che coinvolge l'intera cittadinanza e che si può realizzare soprattutto grazie alla generosità dei Civitavecchiesi. Non si può compiere questa manifestazione senza la partecipazione della città e per questo l’Arciconfraternita ha avviato le raccolte delle offerte per la realizzazione della Processione. A breve, inoltre, inizieranno le iscrizioni per coloro che, nei diversi ruoli, vogliano partecipare ed essere protagonisti, a volte silenziosi ed anonimi, di questa antica e nobile tradizione, una delle poche che ancora sopravvive all'usura del tempo. Tutto ciò, è importante ripeterlo, avviene grazie all'impegno dei Confratelli e delle Consorelle dell'Arciconfraternita, ma anche e soprattutto alla partecipazione attiva dei Civitavecchiesi, sia nella fase preparatoria e della raccolta dei fondi, che in quella conclusiva della Processione di penitenza e meditazione che coinvolge gli animi di ogni nostro concittadino e di molte realtà pubbliche e private. I volontari che aiutano i Confratelli del Gonfalone, sono una delle ricchezze di questa città. Torneremo a parlare della Processione con altri comunicati, grazie agli Organi di Stampa che sempre ci accolgono, per fornite orari, iniziative e dettagli che ci permetteranno di vivere un evento Cittadino, ma anche e soprattutto interiore, con tutta la spiritualità e l’interiorità che esso richiede.>>

 

 

Questo sito utilizza cookie per le sue funzionalità; scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie LEGGI INFORMATIVA PRIVACY.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information