Developed in conjunction with Ext-Joom.com

cronaca

Traduttore

Non solo Spread

Newsletter

Stessa spiaggia, stesso schifo

PDF Stampa Email

Anche quest’anno, bagnanti costretti a subire la presenza dei residui nocivi dei fuochi d'artificio

CIVITAVECCHIA - Anche quest’anno, mentre ancora stavamo aspettando la bonifica preannunciata in quello precedente (sempre e solo a seguito di circostanziato articolo della Civetta),

il giorno dopo i Fuochi di Ferragosto ci siamo ritrovati alle prese con i residui altamente nocivi degli stessi; alcuni rimasti ad “adornare” gli scogli, altri, portati via dal mare, a danneggiare irrimediabilmente l’ecosistema di quest’ultimo. Ciò, perché passata la Festa, coloro che sono pagati per provvedere, non provvedono; con il gusto - tutto particolare - di gabbare lo Santo. Stessa spiaggia, stesso schifo dunque. I bagnanti civitavecchiesi e non (tra i quali, è bene ricordarlo, molti contribuenti regolari) ringraziano ancora una volta per l’accortezza loro riservata. Nel frattempo, bimbi ed animali da compagnia rimangono ad altissimo rischio di intossicazione ed altro. Zozzoni e mangiapane a tradimento, vi rendete conto in che stato avete ridotto negl anni la nostra Città d’incanto? Perché è nostra; non dimenticatelo. Ma non dimentcate neanche che vi osserviamo attentamente.

Servizio e foto di Pietro Cozzolino

Nota a margine
Cosa vuol dire “Passata la Festa, gabbato lo Santo”: Una volta ottenuto da qualcuno ciò che si desidera, ci si dimentica delle promesse fatte per ottenere ciò che si è ricevuto.

 

 

Questo sito utilizza cookie per le sue funzionalità; scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie LEGGI INFORMATIVA PRIVACY.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information