Developed in conjunction with Ext-Joom.com

bracciano

Traduttore

Non solo Spread

Newsletter

“Un No secco, deciso e comune”

PDF Stampa Email

Obiettivo dichiarato dell'Assemblea indetta da "Fermiamo Cupinoro"

BRACCIANO / CIVITAVECCHIA - Il movimento “Fermiamo Cupinoro”, con il sostegno del Comune, ha indetto

un'Assemblea pubblica per martedì 17 ottobre presso l’Aula Consiliare di Bracciano. All’incontro interverranno anche i Sindaci di Cerveteri e Ladispoli, che hanno già dichiarato insieme quello locale la loro netta contrarietà alla nuova impiantistica prevista e che a novembre sarà oggetto di asta fallimentare. <<L’ipotesi è quella di un Polo industriale dei rifiuti sul nostro territorio; riteniamo però che, per il suo impatto su salute e paesaggio - la stessa possa e debba interessare anche le Amministrazioni dei Comuni limitrofi come Anguillara, Manziana, Trevignano, nonché l’Università Agraria di Bracciano che in questa vicenda ha un’importante responsabilità. Non solo. Se - come appare evidente - sarà la Centrale di Civitavecchia a bruciare le ecoballe prodotte dal’impianto Tmb previsto a Cupinoro, in tutto il territorio l’aria che respiriamo sarà oltremodo inquinata ed in particolare quella dei Comuni del Litorale nord fino a Roma. Già oggi vediamo i venti dominanti portare veleni lungo il mare; cominciare a bruciare plastiche e rifiuti misti aumenterebbe l’impatto sulla salute dei cittadini in modo esponenziale. Se i due Ecomostri verranno realizzati il nostro territorio sarà minacciato anche dalle emissioni e dallo smaltimento del digestato prodotto dalla Centrale a biogas che spesso causa l’inquinamento delle falde acquifere e provoca con frequenza allarmante la diffusione di patogeni come il botulino.  Per questa ragione inviteremo all’incontro suddetto anche i Sindaci ed i Delegati dei Comuni del Litorale o chiederemo comunque ai medesimi di esprimere la loro posizione su questa gravissima minaccia. Sono ovviamente invitati Comitati, Associazioni e tutti i cittadini che da anni si spendono per difendere attivamente il territorio. Sperimenteremo insieme ogni soluzione per sventare il pericolo. Il primo passo però è opporre un No secco, deciso e comune.>>

Articolo correlato: http://www.lacivettadicivitavecchia.it/bracciano/3404-diciamo-stop-alla-discarica

Foto generica tratta da www.tuttogreen.it

 

 

Questo sito utilizza cookie per le sue funzionalità; scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie LEGGI INFORMATIVA PRIVACY.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information